Fitwalking

Il fitwalking, letteralmente traducibile in italiano come camminando in forma (col significato di camminare per il benessere), è una pratica sportiva non competitiva. È l’arte di camminare velocemente, con una velocità al limite superiore del range naturale per l’andatura a piedi, in genere 7–9 km / h (4,5-5,5 mph). Si considera camminata l’andatura umana o animale durante la quale si mantiene il contatto col terreno con almeno un piede; si differenzia dalla corsa e dal jogging, in cui si perde il contatto con il terreno durante la fase detta “di volo”. Per questo la camminata si definisce come “una serie di passi”, mentre la corsa viene definita come “una serie di balzi”. La camminata veloce viene spesso confusa con la marcia che però richiede in aggiunta che la gamba sia tesa da quando il piede prende contatto col terreno fino a quando la gamba arriva sulla verticale del corpo. La marcia è la versione agonistica della camminata veloce, ed è presente alle olimpiadi con tre competizioni. Per certi versi il fitwalking è molto simile alla marcia, ma a differenza di essa non può essere un’attività competitiva.

Esistono tre differenti stili che caratterizzano tale disciplina: life style, performer style e sport style. Si differenziano per il livello di tecnica utilizzata e perciò dalla velocitá del passo. Nel LIFE STYLE si ha un’ampiezza del passo minore che comporta una spinta ridotta da parte del piede e le braccia non hanno un’oscillazione esagerata. Questo stile non permette una velocità elevata, infatti assomiglia alla camminata tradizionale. Il PERFORMER STYLE invece ha una tecnica più marcata. Il braccio si muove in modo sincrono a quello delle gambe, comportando così un aumento dell’ampiezza del passo. Il braccio é piegato a 90 gradi. L’ultimo stile il SPORT STYLE definisce un cammino più sportivo e quindi più veloce. Le braccia risultano piegate al gomito a circa 90 gradi e oscillano vigorosamente mantenendo questa posizione. Proprio questa oscillazione é alla base di una buona impostazione del passo e di conseguenza, contribuisce in modo rilevante a far sì che l’intera azione si mantenga dinamica con uno sfruttamento completo della fase di spinta da parte del piede. Questo compie un movimento chiamato “rullata” che definisce l’intero percorso del movimento che compie dal momento del suo contatto con il terreno sino al termine della spinta.  Il fitwalking è praticato in gruppo all’aria aperta, in questo contesto, oltre al benessere ed all’attività motoria, si favorisce l’interazione sociale. Il fitwalking ha quindi più una rilevanza benefica salutare e sociale, che sportiva, in quanto di questa disciplina non vengono disputate gare a carattere competitivo e la versione agonistica è rappresentata dalla marcia.

La diffusione del fitwalking negli Stati Uniti d’America (dove si preferisce la dizione power walking, “cammino poderoso”), nazione nella quale la pratica di tale disciplina è considerata utile per combattere lo stress, ha fatto sì che anche in Italia si scoprissero altri aspetti di rilevanza del fitwalking, legati ai benefici che ne derivano dalla sua pratica.

Caratteristiche: La tecnica del fitwalking prevede che il passo sia energico (quindi una falcata ampia), sia curata la postura e il ritmo sia impegnativo. Questo al semplice scopo di sviluppare una potenza sufficiente affinché la camminata produca effetti benefici sulla forma fisica e sul dimagrimento.

Il fitwalking, detto anche power walking o speed walking, è l’azione del camminare con una velocità superiore all’intervallo naturale del cammino, tipicamente da 7 a 9 km/h. Per distinguere il fitwalking rispetto al jogging e al running, almeno un piede deve mantenere il contatto con il terreno per tutto il tempo. Il cammino veloce (o fitwalking) è stato raccomandato sempre più come un’alternativa al jogging quale esercizio di moderata intensità, lavorando al 60-80% della frequenza cardiaca massima, FCmax. Al livello più alto il cammino ed il jogging sono per lo più ugualmente efficaci, ma l’azione del camminare produce meno impatti alle articolazioni in modo significativo.Quando si cammina molto velocemente è necessario un’oscillazione abbastanza pronunciata delle braccia. Il fitwalking è spesso confuso con la marcia, ma questa oltre a mantenere obbligatoriamente il contatto con il terreno di almeno un piede, richiede l’appoggio della gamba tesa al momento dell’impatto col terreno, pena squalifica.

STRUTTURE DOVE FARE FITWALKING

FITWALKING ROMA CAMMINAMENTE

Indirizzo: Villa Borghese, 00100 Roma

Recapiti: 327 4731983

asdcamminamente@gmail.com


FIDAL ROMA SUD

Indirizzi: Tor Tre Teste – I Vialoni Di Tor Vergata – Villa Torlonia

Recapiti: 3401412607

X