Golf

Il golf è uno sport di precisione che si pratica in un campo aperto, per esempio un prato o un campo appositamente attrezzato, per mezzo di una palla e una serie di bastoni. Sebbene da alcuni sia ritenuto uno sport di origine olandese, il paese in cui godette enorme popolarità fu la Scozia (dov’è gioco nazionale).

Il golf moderno, che si diffuse largamente verso la metà dell’Ottocento, consiste nel colpire una pallina di gomma dura (una palla da golf) lungo un apposito percorso, da una piazzola di partenza (il tee), in una buca sistemata in una zona d’arrivo (il green), mediante una successione di colpi conformi alle regole, per effettuare i quali i giocatori si avvalgono di una serie di bastoni di acciaio, dotati di terminali di forma, peso e dimensioni diversi. Il golf, popolarissimo soprattutto negli Stati Uniti e in Inghilterra, ha fatto la sua comparsa in Italia nel 1900. Questo sport fece parte del programma olimpico nel 1900 e 1904. Dopo diversi incontri fra i massimi esponenti dei tornei europei e americani con il Comitato Olimpico per un possibile ritorno del golf all’edizione 2016 dei giochi, il 9 ottobre 2009 il Comitato Olimpico Internazionale stabilì il rientro di tale gioco nel programma olimpico.

La vittoria va al golfista che ha terminato il giro di buche stabilite (generalmente 18) con il minor numero di colpi (gara a colpi o medal play), oppure a quello che abbia vinto il maggior numero di buche (gara a buche o match play).

Il golf è uno sport disciplinato da numerose regole, apparentemente complicate: dovendo prevedere varie situazioni di gioco, su cui influiscono morfologia dei campi, situazioni ambientali, materiali a disposizione, tipi di competizione, le regole del golf sono aggiornate e pubblicate con cadenza quadriennale in collaborazione fra i due enti preposti (Governing Body): per l’Europa è The R&A (fino al 2003 era il Royal & Ancient Golf Club of St. Andrews), in Scozia; per gli Stati Uniti e Messico la United States Golf Association (USGA).

I vantaggi assegnati ai giocatori (i cosiddetti handicap) sono invece gestiti dalle federazioni nazionali con criteri locali.

L’importanza di conoscere le regole per un giocatore di golf è massima: si tratta probabilmente dell’unico sport in cui ognuno è arbitro di sé stesso e quindi onestà e rispetto devono far parte del bagaglio di ogni golfista. Inoltre, esistono procedure da seguire per non incorrere in penalità o semplicemente per sfruttare a proprio favore determinate situazioni. Ecco perché è richiesto un esame delle regole, da sostenere presso uno dei circoli riconosciuti dalla Federazione.

Durante lo svolgimento delle gare ufficiali, più che dei veri e propri arbitri ci sono degli osservatori. Ogni concorrente è tenuto in pratica ad autocontrollarsi. In caso di controversie ci si appella ad un apposito comitato, il cui scopo principale è quello di far sapere ai giocatori che cosa prevedono le regole nel caso specifico.

La maggior parte delle regole indica come comportarsi nei casi particolari, come per esempio nel caso la palla finisca in un “Ostacolo d’Acqua”, o finisca fuori dai limiti del campo; ma non mancano regole destinate a scoraggiare il gioco lento, che anzi si vanno man mano inasprendo con l’aumentare del numero di giocatori: ad esempio, giocare una palla “provvisoria” quando è probabile che si sia persa la propria, onde evitare di perdere tempo nella ricerca.

Principalmente si distinguono due tipi di gioco. Nel gioco “a buche” (Match Play), si affrontano due giocatori: si assegna un punto al giocatore che conclude la buca nel minor numero di colpi (tenuto conto dell’handicap e delle penalità) e il vincitore è colui che al termine del percorso ha vinto più buche. Nel gioco “a colpi” (Stroke Play) il vincitore è il concorrente che ha percorso l’intero campo nel minor numero di colpi (sempre tenendo conto dell’handicap e delle penalità).

Ma non è stato sempre così, anzi è molto probabile che i golfisti per almeno 300 anni abbiano giocato praticamente senza regole scritte tanto semplice era il “loro” gioco che si distingueva da altri giochi di “bastoni e palle” solo per il fatto che si dovesse concludere con la palla infilata dentro una buca. L’introduzione delle regole scritte portò un minimo di ordine ma di certo tali regole furono mutuate da altre tra cui con ogni probabilità vi furono quelle di un gioco francese detto jeu de mail.

STRUTTURE DOVE FARE GOLF

CIRCOLO DEL GOLF DI ROMA ACQUASANTA

Indirizzo: Via Appia Nuova 716 A ,

Recapiti: 06 780 3407

golfroma@golfroma.it


ARCHI DI CLAUDIO GOLG CLUB

Indirizzo: Via Gamiana 45, 00178 Roma

Recapiti: 06 718 7550

info@archidiclaudiogolf.it


TEVERE GOLF

Indirizzo:Via del Baiardo 390, 00191 Roma

Recapiti: 06 3322 5274

club@teveregolf.it


OLGIATA GOLF CLUB

Indirizzo:Largo Olgiata 15, 00123 Roma

Recapiti: 06 3088 9141

segreteria@olgiatagolfclub.it


FIORANELLO GOLG CLUB

Indirizzo:Via della Falcognana 61, 00134 Roma

Recapiti: 06 7138 080-06 7138  213

info@fioranellogolf.it


PARCO DI ROMA & COUNTRY CLUB

Indirizzo: Via dei Due Ponti 110, 00191 Roma

Recapiti: 06 3365 3396

info@parcodiroma.it

CIRCOLO DEL GOLF CASAL PALOCCO

Indirizzo:Via Niceneto 2, 00124, Roma

Recapiti:06 9337 9279

circologolfpalocco@gmail.com


CENTRO SPORTIVO ROMA SPORT OUT

Indirizzo: Via Paolo Monelli 42- Via Casal Boccone 195, 00137 Roma

Recapiti: 06 8720 1373

info@romasportout.info


GARDEN GOLF UNIVERSITY

Indirizzo: Viale Guido Carli (rif. Rotona), 00133 Roma(Tor Vergata /Università)

Recapiti:06 2030 206- 345 4300 129

info@gardengolfuniversity.it


SHERATON PARCO DE’MEDICI

Indirizzo: Via Salvatore Rebecchini 39, 00148 Roma

Recapiti: 06 65287 345

sheratonparco@sheratonparco.com


MARCO SIMONE

Indirizzo:Via di Marco Simone 84/88, 00012

Guidonia Montecelio RM

Recapiti:0774 366469

info@golfmarcosimone.it

X